Lettera ai lettori

Salve a tutti,
questa è una sorta di lettera che indirizzo a tutti coloro che mi hanno sempre seguita o che, almeno, mi hanno letta spesso. Avrei preferito scrivere mille copie a mano e spedirvele, ma non sono così ipocrita da rinnegare la praticità del web per la comunicazione.
Questo è un periodo abbastanza difficile. Come ogni periodo difficile è anche un periodo importante e io ho deciso di affrontare i miei periodi difficili prendendoli di petto, senza lasciarmi spaventare da quello potrebbe succedere. Magari la penso così perché da poco ho affrontato quell’infame di Kierkegaard o magari ho semplicemente realizzato di avere poco meno di diciannove anni e abbastanza competenze per rendermi conto di non averne molte.
Ma tornando a noi, scrivo questa lettera per giustificare, per l’ultima volta, un mio gesto. Un gesto che di questi tempi potrebbe essere ritenuto quasi estremo, ma di cui vorrei svelarvi il valore. Ho deciso di chiudere la mia pagina Facebook alla vigilia dei 3000 iscritti e di dedicarmi al mio divenire. Snocciolerò la questione successivamente, ma la cosa andava detta d’un fiato.
La verità è che mi sono resa conto che non sono ancora qualcuno. Artisticamente, intellettualmente, eticamente parlando. La riflessione è nata dall’osservazione di vari personaggi che sono emersi dal web. Per quanto possa stimarne alcuni per qualche aspetto, posso dire che l’idea di realizzarmi seguendo quel cursus mi fa venire i brividi. Forse è il fatto che non c’è davvero sostanza in quello che molte persone propongono al pubblico; non c’è una conoscenza abbastanza critica e approfondita, non dico neanche universale, ma semplicemente sostanziosa.  È tutto basato sul format, qualcosa che funziona, e la sperimentazione non ha più un vero e proprio valore. Se si sperimenta e per cercare un altro format con cui conquistare il pubblico finché qualcuno non troverà un altro modo più efficace per intrattenerlo, perché quello che conta è che si parli, si tagghi (non so neanche se sia coniugabile come verbo, ma ci provo) e si condivida un lavoro e questo subito acquista valore presso l’opinione comune. Il senso critico, insomma, si sta estinguendo.
Il mio, ovviamente, è un discorso molto generico. Anzi, posso dire che in due anni ho conosciuto tantissime persone con cui condivido ogni giorno la mia passione e con cui, per grazia di qualcuno, mi trovo spesso a discutere animatamente. Però bisogna deporre le armi, a mio parere. I media non sono uno strumento che l’uomo è capace di controllare e per quanto possano giovare ai giovani, tanto sono nocivi alla loro formazione.
La mia pagina, ad esempio, mi ha consentito di condividere con più persone quello che scrivevo sul mio blog, ma col tempo mi ha anche condizionata molto. Perché ci sono delle regole per giocare bene sul web, per avere successo, e per me rispettarle ha significato, in più occasioni, darmi un pizzicotto sulla pancia. Mi è capitato più volte di pensare che la gente si aspettasse qualcosa da me e che fosse mio compito ingegnarmi per accontentare tutti, ma così facendo sono quasi arrivata a smarrire la retta via, ovvero a perdere di vista il vero motivo per cui ho dato vita a questo blog: trascrivere le mie impressioni, le mie riflessioni e, più in generale, tutte le fasi del mio sviluppo.

tumblr_inline_n71u39tKYB1rzg325

Un cucciolo a caso, con in braccio un cucciolo



Di che farnetico?
Farnetico della mia crescita come persona. Perché il cinema è per me una continua scoperta, un momento di riflessione e di pace interiore, ma è anche il mezzo che mi ha aiutata, nel corso della mia breve vita, a scoprirmi.
Ma non c’è solo questo nella mia passione, infatti credo che scopo del cinema sia anche quello di risolvere tutte le problematiche che sorgono nel momento in cui due individui, o più, devono comunicare. Il cinema dovrebbe essere, a mio parere, un infallibile mezzo di comunicazione, o lo dovrebbe diventare. È probabile che io la pensi così perché ho da sempre avuto evidenti problemi di comunicazione, verbale e non, ma non penso di essere l’unica ad aver individuato nella settima arte questo potenziale, altrimenti non potremmo incontrare, volgendo lo sguardo al passato, tanti film. La gente avrebbe smesso di apprezzare il cinema, se questo non avesse comunicato qualcosa, necessario o meno che fosse, e si sarebbe subito cercata una nuova idea, perché l’unica cosa necessaria per l’uomo è riuscire ad esprimersi e, date le circostanze storiche, per esprimere la realtà, o la propria visione della realtà, c’è bisogno di scambiarsi occhi ed orecchie. Diciamo che io la vedo così.

Ci tengo a precisare che questo blog rimarrà in vita per sempre (incrocio le dita, speriamo s’avveri), ma sarà gestito come un diario, una raccolta di appunti. In due anni sono riuscita a crearmi un pubblico abbastanza vasto, ma ora voglio lavorare per me e su di me, sperando che ogni articolo possa stimolare una discussione, un dibattito. Lascio infatti sul fondo la mia mail privata, già riportata in una delle pagine di descrizione del blog, in modo tale che chiunque abbia suggerimenti o spunti interessanti possa subito entrare in contatto con me.
Vorrei concludere questo sproloquio esortando chiunque si senta oppresso da questo sistema per cui o sei bravo subito, non importa poi quanto durerai, o sei fuori a riflettere con serietà sul valore che si vuole dare al proprio lavoro, alla propria passione. Non è detto che ciò che io penso sia una verità universale, ma credo che la mia “rivoluzione” sia uno dei tanti modi efficaci con cui noi giovani potremmo sfuggire a questo progressivo annientamento di valori che si sta attuando grazie al ruolo centrale che ha ormai il Web nelle nostre vite.
Insomma, torniamo un po’ indietro, rivalorizziamo l’esperienza e le competenze, ritroviamo un criterio davvero valido per misurarci con gli altri e con le nostre passioni.
Incoraggio, sì, ma poi sta a voi mettere questa “rivoluzione” in atto.

Mail: giorgiaspizzuoco@gmail.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: